Cosa facciamo in ambito industria 5.0

Monitoraggio Consumi Energetici Industriali

In qualità di azienda digitale innovativa ed esperta nel mondo industriale, stiamo sviluppando un nuovo software che si integra con il MES (Manufacturing Execution System). Questo strumento avanzato di Energy Management è progettato per soddisfare le esigenze specifiche delle aziende che vogliono monitorare e ottimizzare il loro consumo energetico. 

Il nostro sistema offre monitoraggio dei consumi energetici, idraulici e del gas, identificando picchi di consumo e sprechi, e garantendo un utilizzo efficiente delle risorse. Correlando i dati energetici con gli ordini dei clienti e i dati specifici di ogni item, è possibile seguire la tracciabilità dei pezzi lungo l’intero processo produttivo, garantendo la qualità e rispondendo rapidamente a eventuali reclami. Grazie al monitoraggio in tempo reale, è possibile individuare segnali di guasti imminenti e intervenire tempestivamente per evitare fermi macchina costosi.

Inoltre, monitorando i consumi energetici, si assicura il rispetto delle normative ambientali e le matrici di sostenibilità aziendale, dimostrando un impegno concreto verso l’ambiente e la responsabilità sociale. Analizzando i dati energetici, è possibile ottimizzare i cicli di produzione, riducendo i costi operativi e garantendo maggiore redditività e competitività sul mercato.

Contributi industria 5.0

Il Piano Transizione 5.0 integra e potenzia il precedente Piano Industria 4.0, confermando il suo impegno verso la trasformazione digitale e l’efficientamento energetico. Le aziende che effettueranno investimenti nel biennio 2024-2025, potranno beneficiare di contributi Industria 5.0 per l’acquisto di beni materiali e immateriali nuovi e strumentali abilitanti la transizione energetica, per l’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili e per la formazione del personale.

Le agevolazioni del Piano Industria 5.0 si distinguono in diverse aliquote, con percentuali crescenti fino al 45% in base all’entità dell’investimento e al risparmio energetico derivante dall’investimento stesso.

eMachina Box per l’Industria 5.0

Nell’attuale contesto caratterizzato dai costi dell’energia e del rincaro delle materie prime, oltre che dalla forte attenzione all’ambiente, risulta primario pensare (e ripensare) all’ottimizzazione dei processi e delle lavorazioni, soprattutto in ottica di energy saving.

Il progetto eMachina Box per il monitoraggio dei consumi energetici in fabbrica è stato premiato come eccellenza di Sostenibilità da Confindustria Brescia, per il progetto Fabbrica del Futuro indetto nell’anno di Bergamo Brescia Capitali della Cultura 2023.

Scao Metrics

Monitoraggio dei processi e dei consumi con SCAO:

IIOT – Monitoraggio dei consumi e revamping

eMachina Box è un dispositivo che permette il revamping di macchinari datati, adattandoli alle tecnologie 4.0: installato sulle macchine, permette di collegare sensori e apparati elettronici per la raccolta dati.

Grazie a tecnologie quali l’IIOT e l’Edge Computing, è possibile raccogliere ed elaborare dati utili sul consumo energetico dei macchinari.

Nello specifico, il dispositivo sviluppato da Scao eMachina BOX permette di conoscere una serie di informazioni:

  • la quantità di energia consumata per impianto, per centro di lavoro o singola macchina
  • la quantità di energia consumata per lavorazione, per tipologia di prodotto o per commessa
  • la quantità di energia consumata in un arco temporale definito (giornalmente, per turno, per ora..).

Questi dati sono fondamentali per una stima del costo in bolletta del disturbo immesso in rete, oltre che dei costi in termini di energia di produzione.

Scopri eMACHINA

Ottimizzazione dei processi

Implementando un sistema MES, la mole di dati raccolta e classificata si traduce in informazione e quindi in valore, permettendo di associare a ciascun prodotto il fabbisogno energetico collegato, e di mettere in relazione l’efficienza produttiva degli impianti con le rispettive cifre di consumo energetico.
È possibile quindi calcolare degli indicatori di performance energetica, in modo da indentificare possibili fonti di spreco e scarti all’interno del processo produttivo, e di conseguenza adottare strategie migliori per ottimizzare la produzione e migliorare la qualità.

Ottimizzare i processi attraverso un sistema MES significa riuscire a conoscere il tempo lavorato per ogni articolo/commessa e relativi costi (sia di produzione che di energia), recuperare informazioni sui fermi macchina e le manutenzioni, oltre che sulle inefficienze dei centri di lavoro. Queste informazioni sono preziose per monitorare l’avanzamento delle produzioni, e di conseguenza migliorare la qualità, la produttività e il servizio al cliente.

Scopri eCERTUS

I benefici dell’industria 5.0

Produzione efficiente

Minori sprechi

Maggiore qualità

Impronta ecologica ridotta

Una fabbrica all’avanguardia abbraccia l’Industria 5.0 tramite il monitoraggio dei consumi energetici.

I cruscotti dei software SCAO presentano grafici intuitivi che mostrano il consumo elettrico nel tempo, il voltaggio, l’energia attiva e reattiva.

In rilievo, la rappresentazione del “carbon footprint“, che indica la quantità di CO2 emessa durante l’attività produttiva della fabbrica, evidenziando quindi l’impatto ambientale. Questa metrica diventa cruciale nell’ambito di un’Industria 5.0 orientata alla sostenibilità ambientale.

Monitorare e ridurre il carbon footprint permette di contribuire alla lotta contro i cambiamenti climatici e dimostrare l’impegno dell’azienda verso pratiche eco-sostenibili.

La strada verso un futuro sostenibile parte dalla consapevolezza e dall’ottimizzazione delle risorse.

Software per l'Industria 5.0

Cos’è l’Industria 5.0?

Si tratta di un’evoluzione innovativa e ambiziosa della 4.0 che mira a trasformare l’industria verso un futuro sostenibile, centrato sull’uomo, resiliente, efficiente dal punto di vista energetico e rispettoso dell’ambiente.
Nel concreto, si propone di catturare il valore delle nuove tecnologie, assicurando una prosperità che vada oltre il semplice lavoro e la crescita economica.

Ricerca e Innovazione devono diventare gli strumenti per guidare la transizione verso un’industria capace di apportare benefici non solo alle imprese stesse, ma anche alla società e ai lavoratori.

Il piano «Industria 5.0», con la rimodulazione del PNRR, sostituirà prossimamente il «Piano 4.0».

Caratteristiche

Elementi chiave dell’industria 5.0

Sostenibilità

L’industria 5.0 pone la sostenibilità come pilastro centrale. L’obiettivo primario è ridurre il consumo di energie e le emissioni di gas serra, evitando l’esaurimento e il degrado delle risorse naturali, e ridurre l’impatto ambientale degli impianti e siti produttivi.

Sviluppo di processi circolari

Sviluppare processi circolari significa dar vita a processi che riutilizzino, diano nuova destinazione e riciclino correttamente le risorse naturali, riducendo scarti, sprechi e l’impatto ambientale complessivo.

Monitoraggio consumi energetici

Altro elemento cruciale dell’Industria 5.0 è l’adozione di pratiche di efficienza energetica e il monitoraggio dei consumi. L’obiettivo è anche quello di fare previsioni, stime di consumi e risorse energetiche necessarie, con conseguente riduzione dell’impianto ambientale dei processi.

Monitoraggio carbon footprint

Un altro elemento importante è la misura del carbon footprint, per stimare le emissioni causate da un prodotto o da un’organizzazione, in termini di CO2. L’obiettivo è ridurre tali emissioni, partendo da un minor utilizzo di combustibili ed energia elettrica nei processi di produzione. Monitorare rigorosamente i parametri di carbon footprint è importante per ridurre l’impatto ambientale delle attività industriali.

Riduzione sprechi e scarti

Ottimizzando i cicli e i processi produttivi, migliora la qualità dei prodotti e di conseguenza si riducono notevolmente gli sprechi e gli scarti di produzione. L’Industria 5.0 si basa sull’attuazione di strategie e tecniche di riuso e riciclo per ridurre l’inquinamento e lo spreco di risorse, attraverso il contenimento dei consumi energetici e l’uso delle fonti rinnovabili.

Resilienza

L’industria deve poter affrontare sfide emergenti quali cambiamenti climatici, crisi economiche e pandemie. Il concetto di resilienza implica la promozione dell’innovazione continua per affrontare situazioni di crisi. L’Industria 5.0 si impegna a creare un sistema industriale resiliente adatto ai cambiamenti e alle sfide, garantendo continuità alle attività e il benessere dei lavoratori.